.:: Camera di commercio di Benevento ::.


Home > Servizi amministrativi > Commercio estero > Carnet TIR

Carnet TIR

Che cos’è
Il carnet TIR è un documento doganale internazionale concepito per agevolare il trasporto di merci da un ufficio doganale di partenza di un Paese aderente alla relativa convenzione all'Ufficio doganale di destinazione di un altro Paese anch'esso firmatario della convenzione, senza controlli doganali intermedi sulle merci trasportate.
Il carnet può essere utilizzato solo per trasporti da o verso paesi extra Unione Europea aderenti alla convenzione TIR:
Afganistan, Algeria, Armenia, Canada, Cile, Corea del sud, Albania, Austria, Bielorussia, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Federazione Russa, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Macedonia, Moldavia, Olanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ucraina, Ungheria, Kazakistan, Kuwait, Giappone, Giordania, Indonesia, Iran, Israele, Malta, Marocco, Serbia, Tunisia, Ubzekistan, Uruguay, USA.


Requisiti
Le ditte di autotrasporto e quelle che effettuano trasporti in conto proprio interessate ad utilizzare i carnets TIR per i trasporti internazionali, dovranno iscriversi al Registro T.I.R. istituito presso l'Unione Italiana delle Camere di Commercio, con sede in Roma, come da Regolamento previsto dalla Convenzione.
La domanda di iscrizione da redigere su apposito modello deve essere sottoscritta dal legale rappresentante e deve essere inviata al seguente indirizzo:
 

Unioncamere
Area per i Servizi Amministrativi per il Commercio Estero
Piazza Sallustio, 21
00187 ROMA
 

La domanda dovrà essere in bollo e corredata inoltre dei seguenti documenti:

  • Certificato del Casellario Generale Giudiziario del titolare o del legale rappresentante della ditta;
  • Certificati di carichi pendenti, del titolare e/o legale rappresentante, rilasciati dalla Procura della Repubblica;
  • Dichiarazione di residenza del titolare o del legale rappresentante della ditta, resa ai sensi del D.P.R. nr. 445 del 28/12/2000;
  • Certificato antimafia;
  • Certificato d'iscrizione all'Albo Nazionale degli Autotrasportatori, qualora obbligatoria per l'esercizio del trasporto;
  • Dichiarazione relativa al parco automezzi e relativa alla documentazione attestante la proprietà degli automezzi (fotocopie dei fogli complementari o dei fogli di via);
  • Dichiarazione relativa al numero degli operai e degli impiegati;
  • Dichiarazione d'impegno della ditta a presentare, in caso d'esito favorevole dell'istruttoria:
  • una garanzia fideiussoria a favore di Unioncamere - redatta secondo il testo predisposto dalla stessa - rilasciata da banche di primaria importanza o una garanzia assicurativa rilasciata da istituti assicurativi abilitati a prestare cauzione per gli Enti pubblici, il cui ammontare viene fissato dal Comitato per l'ammissione al Servizio T.I.R.;
  • la dichiarazione di impegno sull'utilizzo dei Carnet TIR, secondo il testo predisposto, sottoscritta dal legale rappresentante della ditta, la cui firma dovrà essere autenticata.


Una volta ottenuta l'iscrizione al Registro T.I.R., l'interessato può richiedere ad una Camera di Commercio abilitata alla vendita il rilascio del Carnet T.I.R., utilizzando un apposito modulo di domanda.
Il numero di Carnet T.I.R. di cui può disporre la ditta è strettamente legato al numero dei veicoli che compongono il parco automezzi dell'impresa, provvisti di certificato d'agreement, e in relazione all'importo della polizza fideiussoria stipulata.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare l'Elenco delle Camere di Commercio abilitate alla vendita dei Carnet T.I.R.
 

Data di aggiornamento: 24/04/2013 14:57